Scoperti batteri pulitori che riciclano rifiuti preziosi

Il Center for Enzyme Innovation inglese ha sperimentato con successo un super-enzima derivato dai batteri che elimina la minaccia inquinante della plastica con una velocità sei volte più elevata rispetto al passato.

Questi batteri potrebbero risolvere il problema delle discariche nei paesi poveri, dove abbondano rifiuti elettronici. Molti materiali preziosi possono essere recuperati, oppure degradati, riducendo fortemente l’impatto ambientale. Esistevano già batteri simili, ma questi sono molto più efficienti.

Varie università anglosassoni, da Portsmouth a Coventry, hanno individuato microbi che agiscono su plastica e spazzatura elettronica, permettendo anche di recuperare l’oro e il rame contenuti nei vecchi computer.

Questo tipo di batteri può ridurre drasticamente i grossi sversamenti di petrolio nei mari, specie dovuti a incidenti che causano disastri ambientali.

Notizia completa su corriere.it: Alla ricerca dei batteri pulitori, per riciclare i rifiuti più preziosi (che spesso inquinano i Paesi poveri)
di Giovanni Caprara 04 nov 2020

 

 

Photo & video credits: video and images in this article are taken from Internet and/or from the articles cited or linked, and belong to their respective owners. Video e immagini in questo articolo sono tratte da Internet e/o dagli articoli citati o linkati, e appartengono ai rispettivi proprietari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *