Julian Assange in custodia: “Lo stanno uccidendo lentamente”

(09 novembre 2020, di Ortwin Rosner)
Nel processo di estradizione del fondatore di Wikileaks, è in gioco non solo la sua vita, ma tutto il nostro mondo occidentale libero
Hans Rauscher, editorialista di punta del quotidiano austriaco Der Standard – qui viene nominato come rappresentante di molti altri che la pensano allo stesso modo – si sbaglia purtroppo quando ammette che il caso Julian Assange è stato scandaloso, ma allo stesso tempo nessun simbolo in Australia. Vuole vedere una minacciata libertà di stampa. Chiunque parli in questo modo non è consapevole delle implicazioni politiche degli eventi.
In effetti, chiunque sia in qualche modo interessato al giornalismo indipendente e critico deve fare tutto ciò che è in suo potere per far rilasciare Assange, altrimenti il mondo occidentale libero è storia passata.
Gli Stati Uniti sono preoccupati, e l’ex direttore della CIA Leon Panetta lo esprime abbastanza schiettamente con queste parole, per fare un esempio. L’estradizione di Assange negli Stati Uniti creerà quello che viene definito un precedente nel linguaggio della giustizia . Ciò significa che con ogni giornalista investigativo o con ognuno di noi – in tutto il mondo, indipendentemente da dove ti trovi sul pianeta e che tu sia un cittadino americano o meno – che poi con ciascuno di noi, ad esempio Ricerche sui crimini di guerra da parte di membri dell’esercito americano o sulle prigioni di tortura della superpotenza e vuole portare i risultati al pubblico, teoricamente si può fare esattamente la stessa cosa di adesso con Assange.
E quello che se ne sta facendo è così terribile che è quasi incredibile che qualcosa del genere sia possibile in un paese civile del mondo occidentale che fino a poco tempo fa faceva ancora parte dell’Unione europea: la Gran Bretagna.

Morte lenta a Belmarsh

Ricordiamo: Assange è ancora – da quasi 17 mesi – nella prigione di massima sicurezza di Londra Belmarsh, la “Guantanamo britannica”, come la chiamano alcuni, in cui altrimenti vengono tenuti solo assassini e terroristi super pericolosi. È in completo isolamento per 23 ore al giorno. ” Tortura bianca ” è come la chiamano gli esperti di diritti umani. Ogni mattina alle 5 del mattino viene svegliato, ammanettato, messo in una cella di detenzione, spogliato e sottoposto a un esame radiografico. Gli è consentito ricevere visitatori solo una volta al mese per 40 minuti. Inoltre ha solo una quantità estremamente limitata di tempo a disposizione per telefonare.

All’australiano viene quasi completamente negato il contatto con i suoi avvocati, non può consultarsi con loro. Non riesce a preparare adeguatamente la sua difesa e dopo un anno di prigione ha finalmente finalmente un computer, ma senza accesso a Internet. Non può nemmeno utilizzare i tasti perché sono registrati per impedirgli di digitare qualsiasi cosa.

Durante il processo, al quale viene condotto attraverso un passaggio sotterraneo, siede in una scatola di vetro blindata in fondo all’aula, al riparo dal suo avvocato difensore, con il quale può parlare solo attraverso una fessura, se non del tutto. In ogni caso, ostacolato dai gravi effetti psicologici della tortura bianca, la scarsa acustica gli rende difficile seguire la procedura. Un certo numero di medici e psichiatri temono per la sua vita, sia a causa della sua cattiva salute o perché non riesce più a sopportare la pressione psicologica e si suicida . Questo è indifferente alla corte.
“Lo stai uccidendo lentamente”, ha detto il filosofo Slavoj Žižek , commentando l’evento.

Ma questo trattamento è per un uomo il cui unico crimine sul suolo britannico – non può essere ripetuto abbastanza – è la violazione della cauzione, un reato per il quale di solito non è prevista la pena detentiva. Assange, tuttavia, è stato condannato a 50 settimane di prigione. Nel frattempo, la sua detenzione è giustificata dal fatto che poteva eludere la procedura di estradizione, mentre il motivo originario del suo procedimento legale, un reato sessuale simulato dalle autorità svedesi, improvvisamente non ha più alcun ruolo. Ora è ovvio che fin dall’inizio era solo un pretesto per impossessarsene.

Tuttavia, nulla di tutto ciò giustifica la custodia nelle condizioni descritte. Le azioni della magistratura britannica, che sono completamente arbitrarie sotto diversi aspetti, deridono tutti i principi dello stato di diritto, come sottolinea più volte il professore di diritto svizzero e inviato speciale delle Nazioni Unite per la tortura, Nils Melzer, che ha studiato il caso più a fondo di chiunque altro.

Molestie per avvocati difensori e osservatori del processo

Inoltre, il processo a “Old Bailey”, il tribunale penale centrale della capitale inglese, è praticamente chiuso al pubblico. Nemmeno le grandi case mediatiche e le ONG hanno l’opportunità di osservare direttamente il processo. Questo è uno dei motivi per cui viene fuori molto poco di ciò che sta accadendo. E se già lo scorso febbraio era difficile accedere alla tribuna dei visitatori, poiché vi erano stati messi a disposizione solo 18 posti, questo numero è stato nuovamente ridotto drasticamente durante la fase di udienza di quattro settimane appena conclusa, prima a quattro e infine a tutti a solo due, più i cinque posti per la famiglia di Assange.

In origine, avrebbe dovuto esserci anche un flusso video per rappresentanti di Amnesty International, Reporter Senza Frontiere, PEN e altre organizzazioni non governative, ma il giudice Vanessa Baraitser ha improvvisamente negato loro l’accesso per motivi inconsistenti.

Ciò che ha reso le cose più difficili per la difesa è stato che ai querelanti statunitensi è stata data l’opportunità dal tribunale di ristrutturare completamente l’accusa con breve preavviso, ma agli avvocati di Assange sono stati concessi solo 30 minuti per prepararsi alle nuove domande. Un aggiornamento è stato rifiutato.

Il whistleblower Edward Snowden, scappato dal lungo braccio degli Stati Uniti in Russia e ha seguito gli eventi come meglio poteva da lontano, ha confrontato questi eventi con ciò che altrimenti è noto solo da Kafka. Christian Mihr, a sua volta, amministratore delegato di Reporter senza frontiere in Germania, parla del fatto che il processo non cerca nemmeno di mantenere l’apparenza di correttezza e trasparenza.

Ad ogni modo, sorge la domanda su come possa accadere che la magistratura americana possa rivendicare un uomo che non è nemmeno un cittadino americano e che non ha commesso nessuno dei suoi presunti reati sul suolo americano, quindi è sorprendente come le leggi americane dovrebbe essere responsabile per lui.

Inoltre, nella legge inglese l’estradizione per il presunto reato, vale a dire lo spionaggio, è di fatto esclusa, in modo che l’intero processo sia possibile solo con l’aiuto di mosse di scacchi legali molto distorte.

I piani degli americani di avvelenare Assange

Gli Stati Uniti e la loro nazione sorella, l’Inghilterra, ovviamente, non possono essere frenati da tali meschine preoccupazioni teoriche legali. La legge o lo stato di diritto non sono stati disturbati qui da molto tempo. Se pensi che si tratti davvero di portare Assange alla giustizia, allora qualcosa è stato completamente frainteso. La legge qui è ovviamente solo una facciata ai fini di uno sfacciato, puro e semplice esercizio di potere e violenza.

In nessun modo si dovrebbe sottovalutare la mancanza di scrupoli al lavoro qui. Nelle ultime settimane, all’udienza dei testimoni convocati dalla difesa, è emerso che i servizi segreti statunitensi hanno preso seriamente in considerazione non solo il rapimento di Assange durante la sua permanenza presso l’ambasciata ecuadoriana , ma anche l’avvelenamento . Gli americani sono entrati nell’edificio attraverso la società di sicurezza spagnola UC Global, che in realtà era stata incaricata dal governo del paese latinoamericano e il cui capo, David Morales, era stato contattato durante un soggiorno a Las Vegas. Di conseguenza, i dipendenti dell’azienda hanno sostituito la tecnologia di sorveglianza che era già stata installata con telecamere con microfoni nascosti e anche bug installati.

Non solo le conversazioni personali di Assange con le sue visite, con i suoi avvocati, medici e rappresentanti dei media e delle ONG, sono state sempre ascoltate, ma sono state anche violate le stanze private dell’australiano e sono stati fatti tentativi per istigare un dipendente dell’azienda. , ruba il pannolino o il ciuccio di un bambino per scoprire la paternità con un test del DNA. Quindi anche i figli del fondatore di Wikileaks non volevano essere lasciati soli. Un tribunale spagnolo si occupa ora di tutto questo .

Ma se Assange viene effettivamente estradato negli Stati Uniti, rischia 175 anni di reclusione nell’ADX Florence, la famigerata prigione di Supermax nello stato americano del Colorado. È uno dei peggiori sistemi carcerari al mondo. Secondo l’opinione delle commissioni per i diritti umani, restare lì può essere equiparato alla tortura continua.

Una nota di avvertimento a tutti noi

Ma si comprende questo modo draconiano di trattare con Assange in modo completamente sbagliato se si crede che si tratti solo del suo destino personale. L’obiettivo dei funzionari americani è globale. Quello che si sta facendo con Assange è inteso come un lampante monito del superpotere a tutto il mondo, a tutti noi: presto, così ci dice il suo esempio, esattamente lo stesso può accadere a te oa me se non ci comportiamo bene, se diffondiamo qualcosa che, secondo gli USA, non appartiene al pubblico.

Melzer vede attraverso questo con acutezza : “Il messaggio dagli USA è questo:” Se fai quello che ha fatto Assange, non sarai mai rilasciato, non sarai mai più in grado di aprire bocca e parlare al pubblico “. ”

Melzer continua, questo è anche il motivo per cui i rappresentanti del governo americano non hanno tanta fretta di estradare l’australiano. Non sono interessati ad assicurare Assange alla giustizia. Quindi a loro non importa se muore a Belmarsh, si suicida, o se il procedimento si trascina semplicemente così a lungo che marcisce dietro le sbarre senza essere mai stato condannato. L’importante è che sia messo a tacere e tu sai che ha subito un destino terribile per quello che ha fatto.

E l’avvertimento potrebbe essere già arrivato. Forse non è solo a causa della consueta identificazione dei mass media dell’Europa occidentale e centrale con gli Stati Uniti che riferiscono solo con molta cautela sulle circostanze mostruose di questo processo, invece di essere altrettanto espliciti al riguardo come sull’avvelenamento del membro dell’opposizione russa Navalny.

Cinque principali organi di stampa lavoravano a stretto contatto con Assange e Wikileaks e sono stati sicuramente i beneficiari del suo lavoro prima che iniziasse la sua caccia. Adesso compaiono in silenzio : il Guardian britannico , il francese Le Monde , il tedesco Spiegel , il quotidiano spagnolo El País e il New York Times.

Il silenzio della politica

Ma anche i politici europei hanno deciso di non dire troppe parole su questo caso e, idealmente, di cancellarlo dalla memoria. Melzer descrive come si imbatte nei muri quando cerca di attirare l’attenzione sulle gravi violazioni dei diritti umani nel caso Assange. I membri del ministero degli Esteri tedesco si ritirano nelle loro dichiarazioni come un mantra al punto di vista che si tratta di una questione interna alla Gran Bretagna e che non c’è motivo di dubitare dello stato di diritto della procedura.

E questo nonostante ci siano prove che il ministero degli Esteri tedesco sia in realtà ben informato sul processo a Londra e sia anche molto ben informato sulla portata delle violazioni dei diritti umani.

Melzer: “Questo tipo di comportamento evasivo è abbastanza caratteristico di quello che vivo ovunque con l’establishment politico. Ti senti così a disagio con la verità sul processo e le conseguenze per lo Stato di diritto che vuoi solo che il caso sia un po ‘così passa rapidamente e silenziosamente possibile. ”

Ma devi anche ammettere che ci vuole molto coraggio, forza di carattere e idealismo per prendere una posizione più chiara qui, perché ciò ha delle conseguenze. Gli avvocati di Assange sanno che saranno sotto costante sorveglianza dall’intelligence americana per il resto della loro vita. Melzer, invece, è consapevole che i suoi giorni come inviato speciale dell’ONU sono contati.

Inquadratura

Un altro fattore che contribuisce alla situazione è che gli Stati Uniti e i loro alleati sono riusciti a installare un cosiddetto framing nell’opinione pubblica. In altre parole, le strategie di diffamazione hanno avuto un impatto, e le narrazioni fuorvianti che sono state create nel mondo difficilmente possono essere tolte dalla testa delle persone, anche se nel frattempo sono state confutate o almeno invalidate da una ricerca approfondita.

Secchi di sporcizia sono stati versati su Assange, e tutti coloro che si battono per Assange devono ancora lottare con il fatto che è immediatamente accusato di essere uno stupratore, un narciso dipendente dall’assertività, un bullo ingrato che si ritrova nel L’ambasciata ecuadoriana non si è comportata bene, e per di più una cattiva spia che si schierava con Trump e Putin, non un giornalista serio, sì, per niente un giornalista, più simile a una specie di terrorista. Più notoriamente, l’affermazione di aver semplicemente messo i documenti segreti completamente online, indipendentemente dal fatto che la pubblicazione delle informazioni potrebbe mettere in pericolo altri, è mantenuta viva.

Questa inquadratura ha avuto un effetto così potente che persino Amnesty International ne è influenzata e si rifiuta ancora di ascoltare l’appello enfatico di Melzer e di vari attivisti e di dare ad Assange lo status di “prigioniero di coscienza” (“POC”, letteralmente “prigioniero di coscienza”) premio.

Già nel 2013, durante il processo statunitense contro Manning, è emerso che nemmeno il Pentagono è a conoscenza di un singolo caso in cui qualcuno è stato danneggiato dalle pubblicazioni di Wikileaks. Al contrario, Assange ha lavorato con la massima cura e cautela e ha fatto di tutto per proteggere le vite umane.

Durante l’audizione, il professore di informatica Christian Grothoff di Bienne lo ha confermato nuovamente. “Con le conoscenze specialistiche necessarie, tutto può essere seguito passo dopo passo”, ha detto in un’intervista alla rivista online svizzera Republik . [16] Assange “ha gestito i dati in modo responsabile”.

Del fatto che i documenti hanno cominciato improvvisamente a circolare su Internet senza annerirsi è stato invece un giornalista ambizioso ma sciatto del Guardian: David Leigh, che prima ha parlato di una password importante dall’australiano e poi è stato così sconsiderato che l’ha fatto senza ulteriori informazioni. Consultazione con Assange per la pubblicazione in un libro pochi mesi dopo.

Per quanto incredibile possa sembrare, coincide con le dichiarazioni di un ex giornalista investigativo dello Spiegel , John Goetz, che ha lavorato a stretto contatto con Assange.

“La sensibilità era una delle questioni di cui la gente ha confessato di parlare”, spiega. Gli eventi reali semplicemente non corrispondono alla storia che è stata ripetuta per dieci anni dai funzionari del governo degli Stati Uniti.

Nel documentario di ARD degno di nota ” Wikileaks – The USA against Julian Assange ” del 7 settembre 2020, Holger Stark, corrispondente di Spiegel a Washington, ha affermato che l’accusa che gli australiani abbiano messo in pericolo la vita umana per le sue pubblicazioni preso, semplicemente non vero.
Assange in prigione in Gran Bretagna, durante il processo irregolare
Assange in prigione in Gran Bretagna, durante il processo irregolare

La teoria del complotto Trump-Putin-Wikileaks

La ricerca del giornalista Mathias Bröckers ha rivelato risultati simili, che ha pubblicato un piccolo opuscolo a Westend Verlag subito dopo l’arresto dell’australiano presso l’ambasciata ecuadoriana l’11 aprile 2019, che posso solo consigliare a chiunque sia interessato a un’introduzione ben fondata a ha i retroscena dell’argomento e della storia di Wikileaks. Titolo: “Non uccidere il messaggero! Libertà per Julian Assange”.

Bröckers sfata anche una serie di altri miti, come l’affermazione secondo cui Wikileaks non ha mai pubblicato nulla di negativo sulla Russia di Putin. In effetti, la piattaforma ha messo online centinaia di migliaia di documenti e commenti che hanno gettato una luce critica sulle condizioni russe.

Quindi Assange non è mai stato un vassallo di Putin. Ma nemmeno uno di Obama. O un Clinton. Ma neanche Trump. Le avventurose accuse, che ricordano le teorie del complotto, di aver fornito deliberatamente assistenza elettorale a Trump nel 2016, sono smentite dal fatto che dopo la sua nomina a presidente, non aveva altro da fare se non chiamare immediatamente all’azione contro l’australiano e muovere accuse contro di lui lasciare.

Assange era contro Clinton, ma questo non significa che sia mai stato per Trump. Identificare questo significa confondere due cose fondamentalmente diverse.

E se, ad esempio, Hans Rauscher, un simpatizzante dei Democratici, menzionato all’inizio, è indignato per la pubblicazione delle e-mail di Clinton durante la campagna elettorale statunitense nel 2016, questo è comprensibile dal suo punto di vista, ma ne sta imbarcando uno pericoloso. Terreno. Come giornalista, ti impegni per la verità, anche se la sua rivelazione porta alla luce cose spiacevoli sulla persona che personalmente avresti voluto vedere come presidente degli Stati Uniti. La pubblicazione della posta di Clinton era, ovviamente, corretta.

Verità scomode

Riassumiamo i fatti semplici senza lasciarci confondere da tutte queste interiezioni: qualcuno ha rivelato cosa stanno facendo gli USA sul pianeta, molte cose che altrimenti avremmo saputo, qualcuno ha commesso i crimini di guerra più gravi al pubblico ha mostrato, ad esempio, come i membri dell’esercito americano falciano civili disarmati con una mitragliatrice da un elicottero solo per divertimento – per citare solo l’esempio più famoso, il cosiddetto video “Colleteral Murder”. Paradossalmente, lo scopritore è ora in prigione per questo e in condizioni disumane, ma non uno solo di coloro che hanno commesso questi crimini reali.
In vent’anni di lavoro con le vittime della guerra, della violenza e della persecuzione politica, non ho mai visto un gruppo di stati democratici riunirsi per isolare deliberatamente un singolo individuo per così tanto tempo e con così poco rispetto per la dignità umana e lo stato di diritto demonizzare e abusare. La persecuzione collettiva di Julian Assange deve finire qui e ora! “

Melzer

Edward Snowden riassume ciò che possiamo fare altrimenti in una dichiarazione concisa:

Se l’esposizione al crimine è trattata come un crimine, siamo governati da criminali.

Bröckers aggiunge:

L’esito del processo contro Julian Assange determinerà la misura in cui hanno già preso il potere.

Sfortunatamente, “solo pochi […] sembrano essere consapevoli che il nostro destino è in fase di negoziazione con il suo caso”.

(Žižek) ( Ortwin Rosner )

Photo & video credits: video and images in this article are taken from Internet and/or from the articles cited or linked, and belong to their respective owners. Video e immagini in questo articolo sono tratte da Internet e/o dagli articoli citati o linkati, e appartengono ai rispettivi proprietari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *