Glaxo condannata per sperimentazione illecita sui bambini

??Argentina. Sul web (vedi schermata sotto) e su Youtube (vedi video qui sopra) e su Facebook (vedi schermata qui sotto), circolano da alcuni giorni filmati e notizie che affermano che:
“la Glaxo Smith Kline GSK è stata condannata per sperimentazione illecita sui bambini. Il tribunale la condanna: 14 bambini al di sotto di 1 anno morti accertati a causa del vaccino”
Su Facebook diversi utenti hanno condiviso la notiza con questo commento: “….ma tutto si risolve con una multa?? I bambini veniva presi nella “popolazione vulnerabile” dicendo alle madri che se non accettavano gli avrebbero tolto i sussidi.”
Glaxo GSK condannata dal tribunale per esperimenti criminali su bambini in Argentina
Una delle schermate Facebook che riportano la notizia di “Glaxo condannata dal tribunale per esperimenti illeciti su bambini in Argentina”
La descrizione del video in cima a questo articolo riporta:
“Glaxo smith kline la famosa ditta farmaceutica inglese, ha pagato 1 (un) milione di pesos per ogni bambino morto in argentina (14 accertati) e per gli innumerevoli danneggiati, molti, con spettro autistico. GSK è stata condannata per crimini contro la popolazione e sperimentazione di vaccini su bambini sani.”
“Condanne in tutto il mondo per frode sanitaria, corruzione, omesse informazioni, dosaggi non veritieri, principi attivi che creano dipendenza, sovrapprezzo, sperimentazioni su uomo ecc. […] La Glaxo Smith Kline, quella casa farmaceutica che produce i 12 vaccini che dovremmo far iniettare ai nostri figli secondo il decreto Lorenzin, quella che decise di SCOMMETTERE ben 1 MILIARDO di euro sul nostro paese per le vaccinazioni. Quella in cui figura come consigliere d’amministrazione della fondazione GSK l’attuale direttore generale della prevenzione sanitaria Raniero Guerra.”
Photo & video credits: video and images in this article are taken from Internet and/or from the articles cited or linked, and belong to their respective owners. Video e immagini in questo articolo sono tratte da Internet e/o dagli articoli citati o linkati, e appartengono ai rispettivi proprietari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *